I colori vegetali

Dopo aver coltivato con cura, fatto crescere e osservato con attenzione le nostre piante, dopo averle raccolte e pulite...oggi, armati di mortaio, barattoli, barattolini e tanta tanta energia, abbiamo ridotto le piante in una poltiglia che abbiamo poi passato al colino e versato nei barattoli...
Abbiamo lavorato con: foglie di spianaci, di ortica, buccia di ravanello e fragole. Abbiamo mischiato anche il curry con l'acqua per ricavare un colore davvero intenso.
Abbiamo ricavato verde brillante dagli spinaci, verde petrolio dall'artica, giallo senape dal curry, rosso intenso dalle fragole e infine un bel magenta dal ravanello!
Alla fine, stanchi ma soddisfatti, abbiamo letto la storia del "Pittore pasticcione" (creata ad hoc), domai ci aspettano tanti fogli di carta bianca per sperimentare la bellezza di questi colori.





















Il pittore pasticcione

 
C’era una volta un signore,con i baffi lunghi e i capelli rossi che amava stare seduto davanti al mare a pensare.
Pensa che ti ripensa un giorno si disse: “è ora di partire!È tanto tempo che non vedo mio fratello Franco!Certo,il viaggio è lungo e faticoso ma...pensa a come ci divertiremo insieme!ma come farò senza il mare?!”.Pensa che ti ripensa...Ecco che arriva un’idea fresca fresca:”ma certo!Lo dipingo su un bel foglio di carta e me lo porto dietro!”.Ma a questo signore che si chiamava Fulvio non bastava vederlo...Lo voleva anche toccare,ascoltare, odorare...Perfino assaggiare!Pensa che ti ripensa il signor Fulvio si ritrova dalla fata tiada ,la regina saggia del mare e di tutte le piante,fiori,animali,bambini e pittori.
Ti serve qualcosa di davvero potente per creare questo quadro profumato,questo quadro succulento,questo quadro melodioso,questo quadro blu,viola,azzurro!”
Fata...Aiutami tu!”
Ma tu, Fulvio ,vuoi avere in mano il segreto dell’arte!Vuoi essere un pittore,un vero artista,uno talmente bravo che fa parlare i suoi quadri...Te lo devi guadagnare caro Fulvio!”
Cosa devo fare mia regina?”
Devi creare colori magici….che suonano,che profumano,soffici e caldi come il mare d’estate e freddi come il mare d’inverno quando fuori nevica e i pesci sott’acqua si mettono il cappotto...Colori che sanno di sale,di polpo e sardine,di pesce cane e anche di squalo…”
Fata...Non ce la farò mai!”
Ma certo che ce la farai...Pensa...Ripensa...Mischia...Prova...e...Pensa e ripensa...E quando vedrai una lampadina accendersi davanti ai tuoi occhi...Ecco, allora che avrai trovato la soluzione!”
Grazie fata,vado subito a pasticciare!”
Passarono le ore,i giorni,le settimane...Fulvio mischiava terra, sabbia,spuma di mare,polpi, fiori,patate, broccoli,tonni e insalate,vermi e cavallette con fulmini e saette...Ed ecco un bel giorno la luce e unclick.
Ecco!Ecco il colore che cercavo...Blu intenso, al sapore di stella marina,con vento forte e sabbia fina e tutto intorno odor di tonno!”

 
Ecco la ricetta di Fulvio...Una manciata di cielo
Un po' di tonno
Sabbia di Ostia
Una stella tritata
Vento di scirocco uuuu uuuu
Spuma di mare per amalgamare
Qualche tuffo per terminare

 

Ora prova a trovare la tua!Per dipingere il bosco, cosa useresti?

Post popolari in questo blog

Storia e racconto nella Matematica della scuola primaria: basi didattiche e sequenza operativa

laboratorio: MATEMATICA IN ATTO: VOCE, GESTO E DRAMMATURGIA PER LA MESSA IN SCENA DI UNA LEZIONE DI MATEMATICA